Condizioni Generali di Vendita

Il trova-prodotto

Hai bisogno di essere consigliato per la scelta del prodotto?
Secondo le tue esigenze, il nostro "Assistente prodotti" ti può alla guidare al prodotto BURY più adatto per te.


 

Newsletter

Abbonati alla nostra newsletter!

Indirizzo e-mail:


Direttive sulla protezione dei dati

I. Validità

Le clausole riportate qui di seguito valgono per tutte le nostre forniture e per gli altri servizi da noi prestati. Qualsiasi divergenza da ciò necessita di conferma scritta da parte nostra. Non vengono da noi qui considerate valide eventuali condizioni generali di vendita del cliente contrastanti con ciò, in particolare l'esclusione della riserva di proprietà e il divieto di addebito di controprestazioni.

II. Offerta e stipula

1. Le nostre offerte sono da considerarsi sempre stipule contrattuali senza impegno, ragion per cui accordi diversi necessitano di conferma scritta per essere vincolanti.
2. Qualora i nostri dipendenti o altri soggetti ausiliari stipulassero accordi accessori o fornissero garanzie divergenti da quanto contemplato nel contratto scritto, ciò necessiterebbe comunque di conferma scritta da parte nostra.
3. I documenti relativi all'offerta, quali figure, disegni, indicazioni del peso e delle misure, sono, salvo diversamente concordato, solo indicativi.

III. Termini di consegna

1. I termini di consegna si prolungano - anche entro un ritardo già esistente - in misura proporzionale, al verificarsi di cause di forza maggiore e per tutti gli ostacoli non prevedibili e verificatisi in seguito alla stipula contrattuale e non a noi imputabili. L'acquirente può esigere spiegazioni da parte nostra, in merito alla questione se vogliamo recedere dal contratto o eseguire la consegna entro un termine adeguato. Qualora non vi sia alcuna dichiarazione in merito da parte nostra, allora l'acquirente è legittimato a recedere. I termini di consegna si prolungano inoltre per il periodo di tempo durante il quale l'acquirente è in ritardo con il suo adempimento degli obblighi contrattuali.

IV. Ritardo, impossibilità a prestare il servizio

1. L'annullamento di determinati termini e scadenze di consegna non esonera l'acquirente, il quale esiga di poter recedere dal contratto o di essere rimborsato dei danni per subita inadempienza, dal fissare un termine adeguato per la prestazione successiva del servizio e dalla dichiarazione di voler rifiutare la prestazione, trascorso il termine previsto. Ciò non vale, fintanto che noi abbiamo indicato espressamente per iscritto come vincolante una scadenza o un termine per la prestazione del servizio.
2. Forniture parziali sono ammesse solo in volume ragionevole.
3. In caso di eventi di forza maggiore, quali mobilitazione, tumulti, guerra, blocco, sciopero, deficit di materie prime, incidente, incendio, inondazioni, mancata fornitura ed altre situazioni simili, non a noi imputabili, il termine di consegna si prolunga e ci è riservato il diritto di recesso o di consegna entro un adeguato termine successivo. In nessun caso noi possiamo essere considerati responsabili per consegne parziali ritardate o mancate, da parte dei nostri fornitori.
4. In caso di mancato ritiro, siamo legittimati ad esigere il 20% del prezzo di acquisto forfettario, quale rimborso dei danni. Rimangono immutate la rivendicazione del danno effettivamente verificatosi e la prova di un danno minore.5. Il ritardo e l'impossibilità della fornitura non sono nostra responsabilità, fintanto che a noi, ai nostri soggetti ausiliari e ai nostri fornitori non sia imputata alcuna colpa. Per il resto, noi rispondiamo ai sensi della legislazione vigente e siamo poi obbligati a rimborsare i danni, limitando così automaticamente per l'acquirente il diritto al rimborso dei danni - nella misura in cui il contratto preveda un'attività commerciale dell'acquirente - per i danni prevedibili al momento della stipula del contratto, tuttavia al massimo al 10% dei valori di quella parte della fornitura complessiva, che in seguito al ritardo o alla mancata consegna non possa essere impiegata, puntualmente o secondo le condizioni contrattuali. Tale condizione non vale, qualora noi dovessimo rispondere obbligatoriamente di dolo o di grave negligenza

V. Spedizione e cessione del rischio

Il rischio viene ceduto al cliente, anche nel  caso in cui sia stata concordata una spedizione franco di nolo, 1. in caso di consegne, senza posizionamento, né montaggio, quando la fornitura pronta all'uso viene portata o ritirata. Su richiesta del cliente e con pagamento anticipato, la spedizione può essere da noi assicurata da rotture, danni da trasporto e danni da incendio. 2. in caso di consegna con posizionamento e montaggio, all'ultimazione di tali operazioni, se interventi successivi e miglioramenti siano irrilevanti.

VI. Prezzi, pagamento e divieto di compensazione

1. I prezzi sono da considerarsi franco sede del fornitore e sempre esclusa l'IVA, per l'aliquota prevista dalla legge vigente. In caso di vendite e interventi di riparazione, il prezzo d'acquisto, o la retribuzione, è dovuto immediatamente alla cessione del prodotto.
3. Ci riserviamo il diritto di rifiutare assegni o altri mezzi di pagamento non in contante. L'accettazione avviene sempre solo a titolo di pagamento. Pagamenti in valute straniere saranno calcolati in base ai tassi di cambio forniti dalla banca.
4. In caso di morosità, noi siamo legittimati ad addebitare interessi di mora per un ammontare basato sui singoli tassi di sconto bancari per crediti su base scoperta, tuttavia come minimo interessi del 3 % superiori al tasso di sconto della Deutschen Bundesbank.
5. L'avvaloramento di un ulteriore danno per ritardo subìto rimane riservato.
6. Il diritto di compensazione o di ritenzione  è possibile  per l'acquirente, solo in presenza di contropretese inconfutabili o legalmente valide. Qualora venga avvalorato un vizio della cosa, i pagamenti del cliente possono essere trattenuti solamente in misura proporzionale al rapporto adeguato al vizio rilevato.

Vll. Riserva di proprietà

1. La merce da noi consegnata rimane di nostra proprietà, fino a che tutti gli obblighi dell'acquirente verso di noi, previsti nel rapporto commerciale,  saranno stati completamente soddisfatti.
2. Qualora ci venga restituita della merce, ciò vale - nel caso dell'impossibilità di applicare la Legge tedesca sui crediti ai consumatori (Verbraucherkreditgesetz) - quale recesso dal contratto, solo nel caso in cui noi confermiamo esplicitamente questo per iscritto. Il pignoramento della merce avvenuto da parte nostra comporta sempre, invece, il recesso dal contratto.
3. In merito a pignoramenti o altri rischi per i nostri diritti, generati da soggetti terzi, noi dobbiamo essere immediatamente informati per iscritto con tutti i dati a ciò connessi e a noi necessari per presentare denuncia, ai sensi del § 771 del Codice di Procedura Civile tedesco. Nel caso in cui noi siamo soggetti a interruzione della nostra attività, perché un soggetto terzo è impossibilitato a rimborsarci le spese giudiziarie ed extra-giudiziarie a noi dovute, ai sensi del § 771 del Codice di Procedura civile tedesco, ne risponderà l'acquirente.
4. La lavorazione o la trasformazione dei nostri prodotti da parte dell'acquirente avviene esclusivamente per noi. In caso di lavorazione con prodotti diversi e non di nostra appartenenza, sussiste per noi un diritto di comproprietà nei confronti del nuovo prodotto, per un rapporto del valore contabile del nostro prodotto, soggetto a riserva, rispetto al prezzo di acquisto del nuovo prodotto risultante (al momento della lavorazione). Per il nuovo prodotto valgono, per il resto, le norme sulla merce soggetta a riserva. In caso di unione indivisibile della nostra merce soggetta a riserva con altri oggetti,  sussiste per noi un diritto di comproprietà nei confronti del nuovo prodotto risultante, in rapporto al valore contabile della nostra merce soggetta a riserva per il prezzo d'acquisto degli altri oggetti uniti (al momento della commistione). L'acquirente custodisce per noi il diritto di proprietà esclusiva o la comproprietà.
5. L'acquirente è legittimato ad alienare la nostra merce soggetta a riserva, nel corso di regolare attività commerciale. Tutti i crediti da ciò generati nei confronti di terzi devono essere in questo caso ceduti a noi dall'acquirente fin dall'inizio e ciò per l'ammontare del corrispondente valore contabile (IVA inclusa). Al di là di tale cessione, l'acquirente continua ad essere legittimato a riscuotere i crediti generati dalla vendita. Su richiesta, l'acquirente è obbligato ad informarci sui crediti ceduti e sui relativi creditori e a fornirci tutti i dati e i documenti, necessari per la riscossione dei crediti.  Dietro nostra richiesta, l'acquirente è obbligato a comunicare a creditori terzi la cessione dei crediti a nostro favore.
6. La suddetta cessione per assicurare i nostri crediti comprende anche quei crediti, che l'acquirente abbia acquisito nei confronti di un soggetto terzo, in relazione alla nostra merce soggetta a riserva, con un bene immobiliare. La regola per la cessione vale altresì per merci lavorate, trasformate o unite e soggette a riserva di proprietà.
7. Dietro richiesta dell'acquirente, noi ci impegniamo a svincolare le garanzie, messeci a disposizione da questi in base al presente contratto, fintanto che queste non siano più necessarie per la sicurezza del nostro credito, non solo temporaneamente, in particolare fintanto che esse non superino per più del 20% il valore del nostro credito ancora da recuperare e non estinto.

VIII. Ricorso in garanzia per i vizi della cosa e garanzia stessa

1. Contestazioni o ricorsi in garanzia per vizi della cosa devono esserci presentati immediatamente per iscritto, a partire dalla data della cessione dei rischi.
2. In caso di motivati ricorsi in garanzia per vizi della cosa, durante il periodo di validità della garanzia, sarà fornita sostituzione gratuita, tramite riparazione o tramite sostituzione, e ciò a nostra discrezione. Le parti sostituite passano in nostro possesso.
3. Parti che devono essere sostituite o riparate devono essere messe a nostra disposizione. Verranno sostituite in ogni caso solo le parti che presentano vizi nel materiale o nella lavorazione.
4. Il vizio della cosa non si riferisce alla normale usura e nemmeno ai danni o alle anomalie, sussistenti in seguito alla cessione dei rischi. Noi siamo manlevati dalla responsabilità per vizi della cosa, qualora siano state condotte modifiche o riparazioni senza la nostra previa ed esplicita autorizzazione.
5. Qualora il miglioramento sia fallito per più di tre volte, senza che il vizio potesse essere risolto oppure se a noi, in seguito alla nostra conferma di fornire una sostituzione, l'acquirente fissi un termine e questo sia decorso, oppure ci rifiutassimo di fornire una sostituzione, allora l'acquirente gode del diritto di esigere, a propria discrezione, la rescissione del contratto (redibizione) o la decurtazione del prezzo d'acquisto (ribasso).

IX. Condizioni aggiuntive per gli interventi di riparazione

1. Preventivi di spesa sono vincolanti, solo nel caso in cui siano trasmessi da noi per iscritto e da noi definiti vincolanti. Per un preventivo di spesa richiesto senza che poi la riparazione sia avvenuta, verranno addebitati i costi da ciò generati. L'oggetto testato non deve essere commutato da noi nello stato originale, se ciò tecnicamente ed economicamente non è fungibile.
2. Qualora un ordine di riparazione ci venga trasmesso senza indicazione precisa del guasto, né limitazione di spesa, possiamo eseguire tutte le riparazioni da noi ritenute opportune per il ripristino dell'oggetto, sulla base del valore corrente e della sicurezza di funzionamento dell'oggetto da riparareie.
3. In presenza di indicazione di un guasto da parte del cliente, qualora vengano rilevati da noi altri vizi durante la riparazione dell'oggetto, noi siamo autorizzati a riparare anche questi vizi, anche in assenza di preciso ordine in merito, se ciò viene considerato necessario per mantenere la sicurezza di funzionamento e se ciò comporta spese minime in rapporto ai costi dell'ordine di riparazione principale.
4. Qualora il guasto contestato non venga rilevato durante il test, o un pezzo di ricambio non sia più necessario, oppure l'ordine di riparazione sia stato annullato durante lo svolgimento della riparazione, allora i costi da ciò generati saranno fatturati al committente. Lo stesso vale, nel caso in cui un cliente non si presenti alla scadenza pattuita per l'intervento di riparazione.
5. Rimane a nostra discrezione, scegliere se una riparazione debba essere svolta presso un nostro laboratorio o presso un'altra sede.
6. Nella garanzia trovano applicazione le relative clausole di cui al punto VIII. e X.
7. Le spese di imballaggio e spedizione sono a carico del committente.

X. Limitazioni generali di responsabilità

La nostra responsabilità è limitata esclusivamente al rimborso dei danni all'acquirente/committente, in base alle clausole interessate e summenzionate, rimanendo escluse le colpe alla stipula del contratto, violazione degli obblighi contrattuali accessori e le attività non autorizzate, a meno che esse non interessino il dolo, la grave negligenza da parte nostra o da parte di un nostro soggetto ausiliario. La limitazione di responsabilità vale in modo corispondente anche per l'acquirente
XI. Forma scritta, clausole liberatorie e tribunale competente

1. Ogni denuncia e dichiarazione da presentarsi nei nostri confronti necessita della forma scritta per essere valida.
2. Qualora una o più clausole delle presenti Condizioni Generali di Vendita dovessero risultare nulla, rimane tuttavia immutata la validità delle rimanenti Condizioni Generali di Vendita.
3. In caso di contratti con imprenditori soggetti al diritto commerciale o persone giuridiche soggette al diritto pubblico, il tribunale competente esclusivo è, a nostra discrezione, quello della nostra sede principale o della nostra filiale dalla quale è partita la fornitura.
4. Per i rapporti contrattuali vale esclusivamente la legge vigente tedesca.


Löhne, 31 settembre 2010